L’allenamento del velocista, dalla teoria alla prassi,

Share on Facebook
Share on LinkedIn
Bookmark this on Google Bookmarks

(con dentro il modello corretto newtoniano della corsa in accelerazione in piano ed in salita)

Tra i luoghi storici più suggestivi della Città, nell’aula grande dell’Università degli Studi “Parthenope” della palazzina spagnola di via Ammiraglio Acton, tra il Palazzo Reale ed il Maschio Angioino; nel fulcro della conoscenza e del sapere, quando Napoli era considerata centro culturale e artistico di tutta Europa,

Oggi Napoli 18 Aprile 2014,

e credo non a caso, non L’Università, non il CONI e le sue federazioni, ma un gruppo di studenti e giovani Dottori dell’associazione Bridge the Gap, mossi dalla passione e dall’amore per le Scienze Motorie, con lo scopo di crescere, approfondire e migliorare la propria professionalità, hanno dato vita non a un convegno ma al Convegno:

Bridge the Gape II”,

Forse il più bello che sia stato organizzato in Campania (direi non solo) negli ultimi anni sul tema dell’Allenamento Sportivo e della preparazione fisica.

Tanti sono stati i presenti ad assistere, tra questi diversi professionisti che lavorano in Italia e all’estero nello sport di alto livello. Al convegno sono intervenuti relatori veramente preparati che hanno saputo trasmettere insieme alla teoria anche prassi del proprio mestiere.

In particolar modo è da menzionare Il Professore Furio Barba,

una vita dedicata all’amore per lo Sport e per l’allenamento sportivo che con il suo grande talento e bagaglio culturale si è sempre prodigato generosamente, senza mai risparmiarsi, per aiutare e formare allenatori e studenti, prima dell’ISEF, oggi della Facoltà di Scienze Motorie di Napoli.

Ph.D. Barba, come pochi sanno fare, mette disposizione per la comunità di DeMotu le slide del suo intervento dal titolo:

L’allenamento del velocista, dalla Teoria alla prassi

Invito tutti a guardare la presentazione con molta attenzione perché all’interno vi troviamo una sorpresa, direi una chicca:

SalitabiomecIl modello corretto newtoniano della corsa in accelerazione in piano ed in salita confutando quello attualmente tenuto come riferimento,

 

infatti, come sosteneva Karl Popper, è il caso di dire:

“Non il possesso della conoscenza, della verità irrefutabile, fa l’uomo di scienza, ma la ricerca critica, persistente e inquieta, della verità.  Il metodo della scienza è razionale: è il migliore che abbiamo. Perciò è razionale accettare i suoi risultati; ma non nel senso di confidare ciecamente in essi: non sappiamo mai in anticipo dove potremmo essere piantati in asso. La scienza è ricerca della verità. Ma la verità non è verità certa.”

Infine lasciatemi dire: Bravi ragazzi dell’associazione Bridge the Gap che portate avanti questo progetto, siate fieri di voi stessi, continuate così, affinché possiate far crescere la cultura e il sapere delle Scienze Motorie

Giulio Rattazzi

Download della presentazione dell’intervento del Prof. Furio Barba

Posted by giulio.rattazzi